Gravity Forms o Fluent Forms: quale plugin per creare form su WordPress

Scritto da Tiziano Fogliata

Se hai bisogno di creare un modulo sul tuo sito WordPress, non hai che l’imbarazzo della scelta. Sono numerosi, infatti, i plugin pensati per questo scopo. La difficoltà, semmai, sta nello scegliere quello giusto, ossia quello più adatto alla propria situazione e che sia flessibile e personalizzabile.

Gravity Forms o Fluent Forms per creare moduli su WordPress

Gravity Forms o Fluent Forms per creare moduli su WordPress

Utilizzo Gravity Forms da molti anni. Acquistai la licenza per la prima volta nel 2010 e, da allora, l’ho sempre rinnovata ogni anno. È un plugin che ha sempre soddisfatto le mie esigenze e—soprattutto—ha semplificato parecchio il lavoro.

Ogni tanto mi è capitato di provare soluzioni alternative, come Caldera Forms o WP Forms, ma alla fine Gravity Forms, ha sempre avuto la meglio e ho continuato ad utilizzare quello. Un po’ forse per abitudine, ma più che altro per l’incredibile numero di funzionalità e l’elevato supporto per questo plugin da parte di tutto l’ecosistema WordPress.

Recentemente è stata rilasciata la versione 2.5 di Gravity Forms che ha rinnovato completamente l’interfaccia di questo plugin.

La creazione di un modulo con Gravity Forms
La creazione di un modulo con Gravity Forms

Negli ultimi anni, si è però fatta strada una nuova opzione alternativa, rappresentata dal plugin Fluent Forms.

Una delle carte vincenti di Fluent Forms sta nel fatto di offrire una versione gratuita veramente ricca di funzionalità, un vantaggio che gli ha permesso di raggiungere velocemente una certa popolarità. Gravity Forms invece è disponibile da sempre solo nella versione pagamento.

Nella versione gratuita Fluent Forms permette di personalizzare con un livello di dettaglio impressionante i singoli moduli e anche di sfruttare funzioni come la logica condizionale, che ti permette di mostrare determinati campi in base a come sono compilati quelli precedenti. Ma non solo, è anche possibile personalizzare il messaggio di ringraziamento, reindirizzare su una thank you page e impostare le notifiche. Inoltre, permette anche di conservare di esportare lo storico dei moduli compilati. Tutte funzionalità che in molti casi le versioni gratuite di questi plugin non offrono.

Interfaccia di creazione di un modulo con Fluent Forms
Interfaccia di creazione di un modulo con Fluent Forms

Rispetto a Gravity Forms, inoltre, la versione a pagamento di Fluent Forms include tutte le funzionalità. Se infatti con Gravity Forms esistono tre diversi livelli di licenza: Basic, Pro ed Elite. Con Fluent Forms i diversi tipi di licenza riguardano solo il numero di siti sui quali è possibile installare questo plugin. Inoltre, è disponibile anche un tipo di licenza life time per chi non ama i canoni di rinnovo annuali.

Nel video che trovi in questo articolo ti mostro una panoramica dei due plugin, alla luce anche del recentissimo aggiornamento di Gravity Forms che ha radicalmente modificato l’interfaccia, e non solo, di questo plugin.

Uno degli aspetti che più interessano in plugin di questo tipo è il livello di integrazione con i servizi di email marketing, dato che spesso è utile collegare form inseriti nelle pagine di un sito, con questo genere di servizi. L’integrazione con un servizio come ActiveCampaign è ottima sia su Gravity Forms che con Fluent Forms. Non è sempre così dato che con alcuni plugin integrazione di questo tipo consentono solo collegamenti elementari. Con questo plugin invece è possibile personalizzare al massimo la quantità e la qualità dei dati trasmessa a un servizio di email marketing o a un CRM.

Gravity Forms offre un maggior numero di integrazioni

Rispetto a Fluent Forms, Gravity offre un maggior numero di integrazioni. Oltre a Stripe e Paypal, con Gravity Forms è possibile ricevere pagamenti con Square, Mollie, Authorize.net.

Gravity Forms supporta inoltre Dropbox, Zoho Crm, Help Scout, e servizi come Pipe, che consente di registrare audio e video. Fluent Forms supporta invece Google Sheets e Telegram, che Gravity Forms non supporta nativamente.

Slack e Trello, sono servizi integrabili su entrambi i plugin, così come Zapier, che amplia le possibilità di collegamento con centinaia di altri servizi.

Anche Uncanny Automator e WP Fusion, due plugin che che ho già trattato su questo sito offrono l’integrazione sia con Gravity Forms che con Fluent Forms.

Alcune delle integrazioni e funzionalità aggiuntive
Alcune delle integrazioni disponibili con Fluent Forms

Gravity Forms è perfettamente integrabile anche con LMS come LearnDash e offre un ricco ecosistema di plugin realizzati da terze parti per realizzare soluzioni complesse: Gravity Perks, GravityView, GravityFlow, GFChart, giusto per citarne alcuni.

Quale scegliere

Sono entrambi ottimi plugin per creare form. Consigliare Gravity Forms per creare un semplice modulo di contatto è come raccomandare l’acquisto di un autoarticolato per fare la spesa.

Gravity è una soluzione consigliata per chi ha necessità delle funzionalità e delle integrazioni messe a disposizione da questo plugin. Si tratta inoltre di un plugin molto stabile. Non è insomma uno di quei plugin con il quale devi incrociare le dita ogni volta che fai l’aggiornamento ;)

Un altro punto molto importante a favore di questo plugin è riguarda la quantità e la qualità della documentazione e l’efficienza dello staff di supporto. Mi è capitato di ricevere risposte entro 10 minuti dall’apertura di un ticket. Sotto questo punto di vista, vince a mani basse la sfida con Fluent Forms.

Considerando il prezzo e la quantità di funzionalità messe a disposizione dalla versione gratuita di Fluent Forms, direi che questo plugin è adatto per la maggior parte delle esigenze.

Fluent Forms rappresenta inoltre un’ottima soluzione da usare in combinazione con la versione gratuita del page builder Elementor, che non offre la possibilità di creare form. La versione gratuita di Fluent Forms mette infatti a disposizione un widget per Elementor che consente di inserire facilmente dei moduli all’interno delle pagine create con questo page builder.

Scarica l'ebook gratuito sui 10 errori da evitare sul tuo sito WordPress

Se ti è piaciuto e hai trovato utile questo articolo, eccone altri che potrebbero interessarti

Nessun articolo correlato

All'interno di questa pagina sono presenti alcuni link di affiliazione verso siti esterni. Tali link mi permettono di guadagnare una piccola commissione nel caso in cui tu acquisti tali prodotti o servizi. Le opinioni espresse sono esclusivamente personali e, in nessun caso, ricevo dei compensi per effettuare recensioni positive.

Lascia un commento