Lead generation sul tuo sito WordPress con Thrive Leads

Per fare Listing Building sul tuo sito WordPress usa gli strumenti migliori

Scritto da Tiziano Fogliata
Aggiornato il

Se sei alla ricerca di una soluzione per creare opt-in form sul tuo sito WordPress, Thrive Leads è uno dei plugin più efficaci e completi. Inoltre, dispone di un elevato numero di integrazioni, così da poterlo connettere facilmente al tuo sistema di email marketing preferito.

Fai crescere la lista di indirizzi email“. “Inizia subito a costruire la tua lista“. “I soldi sono nella lista“. Sono solo alcune delle frasi che da tempo si sentono ripetere all’infinito quando si parla di fare business online.

L’email marketing è infatti uno strumento estremamente prezioso e ancora oggi troppo spesso sottovalutato. Spesso usando la scusa che tanto le email non le legge più nessuno. Come nessuno clicca più sui banner, del resto ;)

Per chi invece giustamente ci crede, alla base di una qualunque strategia di e-mail marketing c’è una grossa sfida: quella di far crescere la lista degli iscritti, ossia raccogliere il maggior numero di indirizzi e-mail di persone interessate ai tuoi contenuti e/o a quanto hai da offrire.

Per facilitare questo compito sono disponibili numerose soluzioni, come ad esempio OptinMonster, PopUp Domination, Bloom di Elegant Themes, SumoMe, Optin Revolution, OptinSkin, Pippity Popups, Optin Ninja e molti altri. Dopo averne provate diverse nel corso degli anni, Thrive Leads è una delle soluzioni che utilizzo e raccomando più spesso. In questa recensione completa ti spiegherò le ragioni per le quali ti consiglio di prendere in seria considerazione questo plugin.

Serve per forza un plugin per far crescere la lista?

Immagina di avere un sito che gode di alcune pagine ben posizionate sui motori di ricerca, che ti garantiscono un traffico costante da parte di persone potenzialmente interessanti per il tuo modello di business.

Non persone che quando arrivano sul tuo sito imprecano contro Google per averle condotte su quella pagina, ma persone “felici” e soddisfatte di aver trovato quel contenuto. Magari quel contenuto le ha aiutate a risolvere un problema, come ad esempio scoprire nuove informazioni o apprendere qualcosa che desideravano imparare.

Come però spesso accade per molte pagine Web, una volta esaurito il loro compito questa pagine vengono chiuse o semplicemente abbandonate per andare su altri siti.

In situazioni come queste, sul tuo sito potresti avere ogni giorno nuovi lettori, ma probabilmente molti di essi non torneranno mai più e e non si ricorderanno nemmeno di esserci passate.

Per questo motivo, la costruzione di una lista di indirizzi email è un processo fondamentale ed estremamente utile per fare in modo che il tuo sito non abbia solo lettori occasionali, ma iscritti coi quali poter sviluppare un rapporto progressivamente sempre più stretto e costante.

Per rispondere alla domanda se è necessario usare un plugin per far crescere la lista, la risposta è NO. Già la maggior parte dei servizi di e-mail marketing fornisce gli strumenti base per raccogliere indirizzi e-mail sulle pagine del proprio sito. Però è innegabile che l’utilizzo di strumenti come ad esempio Thrive Leads rendono questo compito molto più facile e offrono funzionalità uniche per sfruttare al meglio i contenuti del tuo sito.

Perché Thrive Leads: alcuni dei vantaggi

Thrive Leads è plugin sviluppato da Thrive Themes, società che offre numerose soluzioni per trasformare un sito WordPress in potente strumento di marketing.

Oltre ad essere ricco di funzionalità e mette a disposizione un elevato numero di template già pronti, Thrive Leads viene costantemente aggiornato il supporto fornito da Thrive Themes è veramente notevole, sia in termini di assistenza che di formazione.

Questo plugin offre un’ampia scelta di tipi di moduli opt-in. Dai classici pop-up, ai ribbon, agli slide-in, ai welcome mat, ai box in 2 passaggi, passando dai classici form da inserire all’interno o alla fine dei post oppure in un widget.

Non è quindi necessario installare diversi plugin per per realizzare vari moduli, è possibile gestire tutti con Thrive Leads.

Il design dei moduli può essere completamente personalizzato con estrema libertà, non semplicemente cambiando i colori o le immagini presenti in un template. Con Thrive Leads hai disposizione un page builder che ti permette di costruire e personalizzare i tuoi moduli come desideri.

Uno degli aspetti che inizialmente mi ha portato a scegliere questo plugin è l’elevato numero di servizi di e-mail marketing supportati. Questo è un aspetto fondamentale dato che alcuni plugin supportano solo quelli più conosciuti. Immagina che delusione sarebbe voler realizzare un modulo opt-in e doverti arrendere sul più bello, semplicemente perché non riesci ad agganciare il tuo servizio di email marketing al modulo.

Al momento Thrive Leads supporta il collegamento a numerosi servizi, non solo di email marketing. Ecco quali: ActiveCampaign, Amazon SES, ArpReach, AWeber, Campaign Monitor, Constant Contact, ConvertKit, Drip, Facebook, Facebook, GetResponse, Google, GoToWebinar, HubSpot, iContact, Infusionsoft, KlickTipp, MadMimi, Mailchimp, MailerLite, MailGun, MailPoet, MailRelay, Mandrill, Mautic, Ontraport, Postmark, reCaptcha, SendGrid, SendinBlue, SendReach, Zoho, Sendy, SG Autorépondeur, SparkPost, Twitter e WebinarJam Studio.

Puoi collegare Thrive Leads a più servizi, ad esempio usare MailChimp su alcuni moduli e ActiveCampaign o ConvertKit su altri.

Grazie a Thrive Leads è possibile anche personalizzare i moduli per gli utenti già iscritti alla tua lista e persino nasconderli per chi arriva sul tuo sito da un e-mail che gli ha inviato. Più avanti  nell’articolo ti spiegherò più in dettaglio questa funzionalità.

Sono numerose anche le opzioni per personalizzare dove, come e quando far comparire i diversi moduli. Ad esempio dopo X secondi, oppure quando l’utente scrolla fino determinato punto della pagina, quando tenta di uscire dal sito…

Un’altra funzionalità che utilizziamo particolarmente la possibilità di effettuare A/B test (anche con molteplici varianti) sui moduli, così da sperimentare e trovare più facilmente quali tipologie e modalità garantiscono migliori risultati. Più avanti, approfondirò meglio questo aspetto.

È possibile scegliere tra 22 diversi tipi di animazioni applicabili sia l’intero modulo sia agli elementi che compongono il modulo stesso.

Con questo plugin è anche possibile bloccare determinate porzioni di contenuto per renderle visibili solo a chi si iscrive alla tua lista.

Inoltre con Thrive Leads può implementare facilmente soluzioni per rendere scaricabili via e-mail determinati contenuti come ad esempio ebook o altri tipi di file, senza passare necessariamente da un servizio di e-mail marketing. Questo funzionalità, chiamata Asset Delivery, è estremamente utile anche in ottica di rispetto del GDPR, dato che permette di distribuire un file anche senza obbligare qualcuno a iscriversi alla lista.

Nel corso dell’articolo approfondirò i vari punti e scoprirai molti altri vantaggi di Thrive Leads.

Non solo finestre pop-up

Con Thrive Leads non devi limitarti solo alle classiche finestre pop-up:

Ma puoi sfruttare anche tutti gli altri formati messi a disposizione da questo plugin, come ad esempio il formato Ribbon, per che appare e resta agganciato in alto alla pagina. Utile sia per raccogliere indirizzi email, sia per mostrare un importante messaggio ai tuoi visitatori:

Gli In-Line Forms ti consentono di inserire i moduli, all’interno del contenuto delle pagine e degli articoli. Puoi anche decidere di inserirli automaticamente dopo X paragrafi. In questo modo puoi aggiungere dei moduli ai tuoi articoli senza nemmeno dover entrare singolarmente in ogni articolo per inserire un codice a mano:

I cosiddetti 2-Step Opt-In Form, ossia i moduli in 2 passaggi (che ti mostrerò meglio più avanti) ti permettono di mostrare il form di inserimento dei dati solo in seguito al clic su una call to action:

I moduli nel formato Slide In sono visibili e attirano l’attenzione quasi quanto i pop-up, risultando però meno invasivi e fastidiosi rispetto a questi ultimi.

Se vuoi essere certo di catturare l’attenzione dei tuo visitatori, il formato Screen Filler è quello che ti garantisce la massima visibilità. Questa modalità va infatti a coprire tutto lo schermo, ponendosi al di sopra del contenuto della pagina.

Simile allo Screen Filler è il formato denominato Welcome Mat o Scroll Mat. Anche questo va ad occupare l’intera area visibile della pagina ma spostando il contenuto verso il basso, anziché  ponendosi al di sopra di esso.

Inoltre, con Thrive Leads puoi andare a inserire i vari moduli creati anche all’interno delle classiche aree widget del tuo tema, come ad esempio nella sidebar o nei widget del piè di pagina, disponibili nella maggior parte dei temi WordPress, come ad esempio Genesis o GeneratePress.

Targeting: per mostrare sempre i tuoi moduli nel momento e nel posto giusto

Piazzare lo stesso identico form con la scritta “Iscriviti alla newsletter” su tutte le pagine del sito significa sprecare tante ma tante opportunità. Se vuoi far crescere la tua lista, il consiglio è quello di cercare il più possibile di veicolare il messaggio più in linea con il contenuto di quella particolare pagina.

Ti faccio un esempio: in una delle pagine più trafficate del tuo sito parli di termosifoni. Probabilmente se su questa pagina anziché invitare gli utenti a iscriversi alla newsletter, proporresti loro la possibilità di iscriversi per scaricare un PDF con la tua guida aggiornata “Come non farsi fregare nella scelta del termosifone“, potresti ottenere risultati migliori ;)

Il pop-up che invita al download  della guida “Come non farsi fregare nella scelta del termosifone” non avrebbe però lo stesso successo se venisse mostrato in un’altra pagina del tuo sito, ad esempio in quel meraviglioso articolo che hai scritto il mese scorso in cui parli di battiscopa. In questa pagina ci starebbe proprio bene uno degli Screen Filler che hai visto poco fa e che invita a registrarsi al tuo mini corso gratuito via email, dallo stimolante titolo “Battiscopa e coprifili Masterclass”.

Nella speranza che la tua realtà sia migliore di questi esempi, quello che ti voglio dire è che con Thrive Leads far apparire il modulo giusto nel momento e nel contesto giusto è un gioco da ragazzi.

Con Thrive Leads è possibile creare moduli che possono essere posizionati manualmente nel contenuto di una pagina o di un articolo ma anche, e soprattutto, moduli che sono inseriti in automatico in base alle regole stabilite da te.

Quando crei un Lead Group puoi impostare una serie di condizioni nelle quali far apparire o non apparire un insieme di moduli opt-in. Ad esempio puoi creare una serie di moduli da visualizzare solo sulla home page del tuo sito, un’altra che viene mostrata solo in alcuni post e un’altra ancora che appare solo negli articoli inseriti in una certa categoria. Volendo puoi anche creare regole per singoli post o singole pagine.

Questo ti permette di definire con estrema precisione dove far apparire ogni singolo modulo sulle pagine del tuo sito WordPress.

Inoltre, per ogni formato, hai disposizione differenti criteri di attivazione. Puoi attivare il modulo al caricamento della pagina, oppure dopo un certo lasso di tempo. Quando il visitatore scrolla fino a un certo punto della pagina o quando clicca su un particolare elemento e molti altri ancora…

Imparare a usare Thrive Leads: Lead Groups, Lead Shortcodes e ThriveBoxes

Trattandosi di uno strumento molto potente e con infinite possibilità di applicazione personalizzazione, è necessaria un po’ di pratica e di lettura della documentazione per sfruttare al meglio Thrive Leads.

Dopo aver installato e attivato il plugin, accedendo alla pagina di Thrive Leads, ti troverai di fronte alla possibilità di creare diverse tipologie di moduli. Ognuna di queste tipologie opera con logiche differenti.

La prima, chiamata Lead Groups, consente di creare moduli in che appaiono automaticamente in diverse sezioni del sito in base alle regole che tu andrai a stabilire. I vari gruppi sono ordinati e si attivano in base alla loro priorità. Quindi se crei 2 gruppi con regole simili verrà attivato solo quello con la priorità più alta. Questo aspetto è uno dei principali motivi di frustrazione da parte degli utenti alle prime armi che si avvicinano a Thrive Leads e iniziano a creare moduli senza aver letto la documentazione ;).

In ogni Lead Group puoi attivare più moduli di diverso tipo:

e stabilire per ognuno di essi se devono essere attivati solo su desktop, solo su mobile o su entrambi:

La tipologia chiamata Lead Shortcodes ti consente invece di creare dei moduli che possono essere inseriti all’interno di qualunque pagina o articolo del tuo sito semplicemente incollando uno shortcode. Inoltre è anche possibile inserirle direttamente nel template del sito mediante il codice PHP generato da Thrive Leads.

La terza tipologia, chiamata ThriveBoxes, ti consente di creare dei moduli che si attivano in seguito al clic sul link, su un bottone e persino cliccando su una voce del menu del tuo sito WordPress.

Quindi, in base alle tue esigenze e al risultato che desideri ottenere, è necessario scegliere la tipologia più adatta allo scopo.

Thrive Leads non serve solo per far crescere la tua lista

Un’abitudine diffusa è quella di credere che i plugin come Thrive Leads servano solo a creare finestre pop-up nelle quali chiedere l’indirizzo e-mail ai visitatori. Niente di più falso.

Oltre a poter creare numerose tipologie di moduli in vari formati, con Thrive Leads è possibile creare anche elementi interattivi da inserire sul tuo sito da utilizzare per scopi diversi dalla raccolta di indirizzi e-mail, ad esempio per mostrare annunci o chiamate all’azione.

Opt-in in 2 o più passaggi

Vi sarà capitato di vedere più di una volta qui moduli opt-in che, una volta caricati, ti invitano a scegliere di rispondere con un sì o con un no. Scegliendosi, ti viene quindi mostrato il modulo per inserire il nome l’indirizzo e-mail. È un classico esempio di modulo opt-in in 2 passaggi, che molte situazioni può funzionare decisamente meglio rispetto all’inserimento immediato del modulo con la richiesta dei dati.

Con Thrive Leads creare moduli di questo tipo è un gioco da ragazzi e la cosa bella che non sei costretto a limitarti a soli 2 passaggi. Volendo puoi tranquillamente inserire un maggior numero di interazioni.

Personalizzare il contenuto

Uno strumento particolarmente utile e integrato in Thrive Leads è quello che consente di personalizzare il contenuto dei moduli creati in base al tipo di visitatore.

Questa funzionalità, chiamata Smart Links, permette di creare degli URL con dei parametri particolari che permettono di gestire cosa mostrare nei moduli creati con Thrive Leads.

Grazie a questa funzionalità puoi definire un URL di destinazione, selezionare quale categoria di moduli optin-in dovrà essere coinvolta da questa impostazione (se tutti quelli presenti sul sito o solo una categoria), definire se visualizzare lo stato “Già iscritto” sui moduli oppure nascondere semplicemente i moduli. Infine puoi anche impostare la durata delle impostazioni di questo link:

Thrive Leads SmartLinks

Ad esempio potresti creare sul tuo sito un modulo per stimolare l’iscrizione alla tua newsletter. Grazie poi alla funzionalità Smart Links, puoi creare dei link da inserire nel e-mail inviate agli iscritti per fare in modo che, quando questi ritornano visitare il tuo sito non visualizzano nuovamente il forme di iscrizione newsletter ma, ad esempio, un’offerta speciale.
Oppure puoi semplicemente decidere di nascondere il form di iscrizione a chi è già iscritto alla tua newsletter.

Intercettare le persone che stanno per abbandonare la pagina

Una funzionalità sempre più diffusa tra le soluzioni che consentono di creare moduli di e quella che cerca di intercettare il cosiddetto Exit Intent, ossia quel momento in cui il visitatore sta per chiudere o abbandonare la pagina. In Thrive Leads questa funzionalità si chiama SmartExit.

SmartExit con Thrive Leads

Ipotizziamo ad esempio di aver creato un modulo opt-in che compare in automatico dopo che l’utente è su quella pagina da almeno 30 secondi. Utilizzando la funzione SmartExit puoi fare in modo che il modulo appaia anche quando l’utente sta per abbandonare la pagina pur non essendo ancora trascorsi i 30 secondi.

Signup Segue:migliora le conversioni ed evita di far inserire gli stessi dati più volte ai tuoi iscritti

Immagina di voler invitare gli iscritti alla tua newsletter a un webinar. La prima soluzione che minimamente probabilmente quella di inserire nella mail di invito un link che punta ad una pagina nella quale le persone possono inserire il loro nome e loro indirizzi e-mail per iscriversi a tale webinar.

Da un certo punto di vista però è un po’ inutile richiedere nuovamente l’indirizzo e-mail a una persona alla quale hai appena scritto via e-mail. Inoltre questo ulteriore passaggio intermedio può ridurre anche drasticamente il numero di conversioni, ossia di registrazioni al webinar.

In pratica, normalmente ti toccherebbe fare così: Inviare una mail -> Indirizzare le persone su una landing contenente un form -> Registrarle al Webinar

Grazie però alla funzionalità Signup Segue di Thrive Leads è possibile creare di link da utilizzare nei messaggi e-mail inviate gli iscritti per permettere l’iscrizione con un semplice clic. Thrive Leads è infatti in grado di interfacciarsi con numero di servizi e trasmettere a loro l’indirizzo e-mail, ed eventualmente il nome, necessario per l’iscrizione.

Grazie a Signup Segue, con un semplice clic contenuto nel link speciale inserito nella mail, le persone che lo cliccano sono già automaticamente iscritte al webinar.

Signup Segue è utilizzabile con alcuni dei servizi con i quali Thrive Leads può essere collegato, come ad esempio i vari servizi di email marketing e di webinar (GoToWebinar e WebinarJam al momento sono le uniche  due piattaforme di webinar supportate da questa funzione).

Questo è un classico esempio delle funzionalità che rendono Thrive Leads una soluzione estremamente potente, flessibile e utile non solamente per incrementare il numero di iscritti alla propria lista di indirizzi e-mail.

La potenza di Thrive Architect per creare tutti i layout che desideri

Thrive Leads oltre offrire un’amplissima scelta di template già pronti per le varie tipologie di moduli opt-in, mette a disposizione le funzionalità del page builder Thrive Architect per consentirti di personalizzare ogni minimo dettaglio dei moduli. Inoltre, se preferisci puoi anche creare moduli da zero sempre con la comodità di uno strumento drag & drop, che ti consente di trascinare facilmente gli elementi che ti servono all’interno del modulo.

Grazie alla potenza del builder Thrive Architect, all’interno dei moduli di Thrive Leads puoi trascinare ognuno dei 41 elementi disponibili:

Ma non solo, sempre grazie al comodo e potente editor puoi intervenire con grande precisione e flessibilità su ogni singolo aspetto di ogni elemento, impostando font, colori, dimensioni, margini e rientri, sfondi, ombreggiature, bordi, animazioni e molto altro ancora:

Puoi anche intervenire applicando modifiche ed effetti alle immagini inserite nei moduli:

Inoltre è facile controllare e gestire l’aspetto dei vari moduli in base al dispositivo utilizzato dai visitatori per accedere al sito. Oltre a creare layout responsive, puoi anche decidere che un modulo non venga visualizzato per alcune tipologie il dispositivo.

Inoltre, se proprio ti serve, con Thrive Leads puoi sempre aggiungere del codice CSS personalizzato e persino andare a modificare il codice HTML del form:

Reportistica per avere la situazione sotto controllo

Accedendo alla pagina di gestione del plugin si ha subito sott’occhio l’andamento della giornata. Puoi vedere quante volte sono stati visualizzati i moduli attivi sul sito, quante conversioni sono state generate (ossia quanti iscritti in più alle tue liste) e il tasso di conversione odierno:

Con Thrive Leads è inoltre disponibile anche la funzione Notification Manager, che consente di impostare delle notifiche quando si verifica un evento come ad esempio il completamento di un A/B Test oppure il verificarsi di una conversione. È possibile anche ricevere notifiche solo per alcuni dei moduli creati.

A/B Testing: sperimentare per migliorare

Potere sperimentare e analizzare i risultati uno degli approcci più validi ed efficaci per migliorare le prestazioni in qualsiasi campo.
Facendo attività di list building o di lead generation è molto utile (quasi fondamentale) poter disporre di strumenti che ti consentono di testare differenti varianti in modo da capire quali sono i fattori che influenzano maggiormente il risultato. In questo caso quali consentono di ottenere i maggiori tassi di conversione.

Thrive Leads ti permette di creare facilmente e confrontare due o più versioni dello stesso modulo, proponendole a rotazione ai tuoi visitatori. Inoltre è anche possibile impostare plugin in modo che una volta individuata la variante vincente, questa venga impostata come modulo di default.

Per ogni test condotto, Thrive Leads genera dei grafici che ti consentono di analizzare l’andamento dell’esperimento. Per ogni variante puoi controllare quante volte è stata visualizzata, quante conversioni ha generato, qual è il suo tasso di conversione, quant’è la percentuale di miglioramento o di peggioramento rispetto all’originale e anche qual è la probabilità che generi risultati migliori rispetto alla versione originale. Quest’ultimo aspetto è importante perché permette di capire se il risultato ottenuto è statisticamente attendibile oppure se semplicemente frutto del caso.

Ecco un esempio dei dati relativi a un test in corso:

Aspetti migliorabili di Thrive Leads

Come hai potuto vedere Thrive Leads è una soluzione davvero completa che può rivelarsi estremamente utile, non solo per incrementare il numero di iscritti alla tua lista.

Se dovessi scegliere cosa migliorare di questo plugin, probabilmente Includerei una quantità maggiore di template già pronti. Non che ora siano pochi, però avere a disposizione un catalogo ancora più ampio non sarebbe male. Soprattutto perché per moltissimi utenti un template già pronto e quasi sempre la scelta iniziale preferita rispetto alla creazione da zero.

Un’altra cosa che mi piacerebbe vedere è la possibilità di tracciare anche i clic sui pulsanti come obiettivo di conversione utilizzabile negli A/B test. Cosa che al momento non è possibile fare, dato che come conversioni sono tracciati esclusivamente i form.

Conclusioni

Se vuoi sfruttare il tuo sito per fare lead generation, se sei interessato a incrementare il numero di iscritti alla tua lista di indirizzi e-mail non puoi non essere d’accordo sul fatto che Thrive Leads sia uno strumento davvero prezioso e con un ottimo rapporto qualità/prezzo.

Inoltre, se ti preoccupa la velocità di caricamento delle pagine, ti assicuro che Thrive Leads non incide più di tanto sui tempi di caricamento e permette anche di attivare i moduli in modalità Lazy Load, ossia caricando tali elementi solo quando entrano nell’area di visualizzazione dell’utente e non prima.

Il plugin tende però a fare parecchie chiamate al file admin-ajax.php di WordPress, quindi se hai un sito molto traffico e un hosting non particolarmente performante, questo potrebbe incidere sulla velocità di caricamento delle pagine.

Se, molto probabilmente, la possibilità di inserire vari tipi formati di moduli opt-in sul tuo sito è la prima ragione che ti spinge a cercare una soluzione come Thrive Leads. Più utilizzerai questo plugin, più ti renderai conto e apprezzerai quanto comodo sfruttarlo anche per la creazione di call to action e altri elementi dinamici da inserire all’interno di pagine e articoli del tuo sito WordPress.

Thrive Leads è un plugin acquistabile singolarmente, oppure è compreso acquistando l’intera Thrive Suite (il set completo di strumenti creato da Thrive Themes).

Riassumendo, ecco alcuni dei principali vantaggi di Thrive Leads:

  • l’incredibile varietà di moduli e formati che puoi creare;
  • le infinite possibilità di personalizzazione dei moduli grazie a Thrive Architect;
  • la possibilità di fare A/B test in modo facile ed efficiente;
  • le funzionalità come SmartLinks e Signup Segue che permettono di offrire vantaggi in più a te e ai tuoi iscritti;
  • la funzionalità Asset Delivery che ti consente di distribuire facilmente PDF e altri file senza necessariamente passare da un servizio di email marketing.

Articoli che ti suggerisco…

All'interno di questa pagina sono presenti alcuni link di affiliazione verso siti esterni. Tali link mi permettono di guadagnare una piccola commissione nel caso in cui tu acquisti tali prodotti o servizi. Le opinioni espresse sono esclusivamente personali e, in nessun caso, ricevo dei compensi per effettuare recensioni positive.

Lascia un commento