GenerateBlocks: il plugin da provare se usi l’editor Gutenberg di WordPress

Scritto da Tiziano Fogliata

L’editor Gutenberg di WordPress mette a disposizione molte più possibilità rispetto a quello classico, presente nelle vecchie versioni di WordPress (quelle precedenti la 5.0).

Grazie ai blocchi è infatti possibile inserire diverse tipologie di contenuto e posizionarle in modo molto più facile.

Siamo però ancora lontani dai livelli di personalizzazione, e soprattutto di facilità d’uso, offerti da Elementor, Beaver Builder, Thrive Architect e altri page builder. Anche se, grazie all’ampia disponibilità di plugin specifici, è possibile aggiungere funzionalità all’editor Gutenberg per renderlo più potente e facile da gestire.

Uno di questi plugin è GenerateBlocks, creato dallo stesso autore dell’ottimo tema GeneratePress.

Questo plugin, che è disponibile sia in versione gratuita che in versione a pagamento (ti spiegherò poi le differenze), aggiunge 4 nuovi blocchi all’editor Gutenberg di WordPress.

4 blocchi possono sembrare pochi, ma i blocchi di GenerateBlocks sono una sorta di mattoncini LEGO® con i quali puoi costruire moltissimi layout. Nei video che ho inserito in questo articolo, puoi vedere alcuni esempi di questo.

I 4 nuovi blocchi forniti da GenerateBlocks sono:

  • il blocco Contenitore;
  • il blocco Griglia;
  • il blocco Headline;
  • il blocco Pulsanti.
I 4 blocchi di GenerateBlocks

Rispetto ai blocchi tradizionali dell’editor di WordPress, questi 4 nuovi blocchi offrono un’incredibile quantità di controlli e possibilità di personalizzazioni aggiuntive.

Controllare margini, rientri, bordi e raggio

Ad esempio, per quanto riguarda la spaziatura, con i blocchi di GenerateBlocks è possibile gestire i margini e il padding (chiamato spesso anche rientro o spaziatura interna) dei vari elementi. Inoltre puoi anche definire la dimensione e il raggio del bordo.

Controlli spaziatura blocchi editor di WordPress con GenerateBlocks

Un tale livello di controllo ti consente, ad esempio, di curare con molta precisione la distanza tra un titolo e un paragrafo o tra un bottone e un’immagine. Inoltre, con GenerateBlocks puoi gestire questi aspetti anche in modo indipendente per vari dispositivi: desktop, tablet e smartphone.

Considera poi che il blocco Headline di GenerateBlocs può essere impiegato per i seguenti tag HTML: da h1 ad h6, paragrafo e div. Quindi è molto flessibile. Inoltre è anche possibile aggiungere un’icona o del codice SVG personalizzato.

Controllo dei colori

Nei vari blocchi disponibili di GenerateBlocks è possibile definire i vari colori per testi, sfondi, bordi, link. Inoltre è possibile impostare sfondi, gradienti e anche bordi sagomati.

Esempio di creazione contenuti con GenerateBlocks

Nel video sottostante ti mostro la creazione di alcuni contenuti usando il plugin GenerateBlocks.

Esempio di creazione contenuti con GenerateBlocks

Più funzioni e maggiore facilità d’uso con GenerateBlocks Pro

GenerateBlocks Pro è la versione a pagamento di questo plugin. Rispetto alla versione gratuita, offre le seguenti funzioni aggiuntive:

  • Accesso a una vasta libreria di template già pronti all’uso.
  • Possibilità di definire degli stili globali e di effettuare il copia e incolla di uno stile tra i blocchi.
  • Possibilità di definire effetti CSS come opacità, transizioni, ombre e filtri da applicare ai singoli blocchi.
  • Controllo avanzato degli sfondi.
  • Possibilità di impostare un’intero contenitore come un link.
  • Supporto per creare data-* attributes personalizzati.
  • Controllo della visibilità dei vari blocchi sui diversi dispositivi.

Alcuni di queste funzionalità sono incredibilmente potenti. Con la versione Pro puoi ad esempio gestire sfondi multipli, puoi definire sfondi diversi per lo stesso elemento su desktop, tablet e mobile e anche variare lo sfondo di un blocco al passaggio del mouse. Nel video sottostante puoi vedere una dimostrazione.

GenerateBlocks Pro: gestione avanzata sfondi

Grazie al controllo degli effetti CSS puoi ottenere facilmente gradevoli e interessanti variazioni stilistiche sui blocchi di una pagina o di un articolo. Dai un’occhiata al video sottostante per vedere alcuni esempi.

GenerateBlocks Pro effetti CSS e copia degli stili

Una libreria di template a disposizione

Inoltre, anche disporre di una nutrita libreria di template di blocchi già pronti all’uso non è da sottovalutare. Rende infatti molto più rapido il lavoro e fornisce numerosi spunti. Ecco alcuni esempi:

GenerateBlocks Pro template library

Se nella versione gratuita del plugin è possibile regolare i vari aspetti di un blocco in modo indipendente a seconda che venga visualizzato su desktop, tablet e mobile. Nella versione Pro di GenerateBlocks puoi anche gestire la visibilità di questi blocchi. Come puoi vedere nel video:

GenerateBlocks Pro visibilità device responsive

Ampia documentazione e supporto

Sia la versione gratuita che quella a pagamento di GenerateBlocks, consentono di accedere a un’ampia documentazione, che illustra come utilizzare tutte le funzionalità di questo plugin. Inoltre è disponibile anche un forum nel quale spesso interviene e risponde anche Tom Usborne, il principale sviluppatore del plugin.

GenerateBlocks: a chi è consigliato? è meglio di Elementor?

Uno dei vantaggi di usare GenerateBlocks è quello di ottenere pagine mediamente più leggere e veloci di quelle che si possono realizzare con page builder come Elementor.

Se però si tratta di creare pagine e landing page graficamente complesse, è innegabile che lavorare con Elementor è più veloce, e anche più semplice, per gli utenti che non hanno molta dimestichezza con HTML e CSS.

Per chi detesta o preferisce non usare i page builder, GenerateBlocks rappresenta però un’eccellente soluzione per ottenere ottimi risultati. Inoltre, permette di stimolare un’approccio modulare alla creazione dei contenuti con l’editor di WordPress.

GenerateBlocks Pro

In sintesi
Un plugin che aggiunge 9 potenti funzionalità alla versione gratuita di GenerateBlocks.

Perfetto per Gutenberg
Rende possibile creare layout altrimenti difficili o impossibili da ottenere con i blocchi standard dell’editor Gutenberg.

Pro

  • Permette di evitare l’installazione di molti altri plugin.
  • Prezzo accessibile, soprattutto per chi lo utilizza su molti siti.
  • Offre un controllo granulare delle varie impostazioni.

Contro

  • Richiede almeno una minima conoscenza di HTML e CSS per poter essere sfruttato al meglio.

Può essere usato con qualsiasi tema che supporti l’editor a blocchi di WordPress. Inoltre abbinato a un tema come GeneratePress può essere sfruttato ancora meglio, dato che è possibile impiegarlo anche per la creazione di testate, footer e altri elementi del sito.

Scarica l'ebook gratuito sui 10 errori da evitare sul tuo sito WordPress

Se ti è piaciuto e hai trovato utile questo articolo, eccone altri che potrebbero interessarti

All'interno di questa pagina sono presenti alcuni link di affiliazione verso siti esterni. Tali link mi permettono di guadagnare una piccola commissione nel caso in cui tu acquisti tali prodotti o servizi. Le opinioni espresse sono esclusivamente personali e, in nessun caso, ricevo dei compensi per effettuare recensioni positive.

Lascia un commento