Come utilizzare l’editor a blocchi Gutenberg su WordPress

Scritto da Tiziano Fogliata
Aggiornato il

Gutenberg è il nuovo editor di WordPress che è attivo di default a partire dalla versione 5 di WordPress, rilasciata a fine 2018.

Più in basso, in questo articolo trovi il video in cui ti spiego come usare Gutenberg

Nonostante un po’ scetticismo e timori iniziali, Gutenberg sta lentamente conquistando un sempre maggior numero di utenti affezionati. Rispetto agli esordi poi, va detto che la situazione è migliorata notevolmente: il numero di funzionalità è aumentato e la quasi totalità dei plugin più diffusi è ormai da tempo compatibile con il nuovo editor.

Fino al 2022, sarà ancora offerto il supporto per l’editor classico, ossia la modalità con la quale venivano inseriti pagine e articoli su WordPress prima dell’avvento di Gutenberg.

Anche ora, pur utilizzando le ultime versioni di WordPress, è sufficiente installare e attivare il plugin “Classic editor” per poter scegliere di utilizzare la vecchia modalità di inserimento dei contenuti. Ma vediamo come utilizzare la nuova e più moderna versione dello strumento per creare e gestire pagine e articoli con WordPress.

Come installare e iniziare a usare Gutenberg

In questo video ti mostrerò come installare tali plugin e soprattutto come iniziare a utilizzare il nuovo editor Gutenberg su WordPress. Se vuoi vedere solo come utilizzare Gutenberg, puoi iniziare a guardare il video da 3 minuti e 33 secondi.

Nel video spiego anche tutti i passaggi legati all’installazione del plugin Classic Editor.

Come primo passaggio installa il plugin Classic Editor e procedi ad attivarlo. Successivamente vai nella sezione Plugin » Aggiungi nuovo per installare il plugin Gutenberg. Probabilmente lo vedrai già tra il plugin in evidenza, altrimenti è sufficiente cercarlo scrivendo Gutenberg nella casella di ricerca. A questo punto è sufficiente cliccare sul pulsante “Installa ora” e poi su quello “Attiva”.

Avendo installato il plugin “Classic Editor”, nella sezione Impostazioni » Scrittura di WordPress, è ora presente una nuova voce dedicata alle impostazioni editor classico che ti consente di scegliere se preferisci utilizzare sempre l’editor classico oppure se utilizzare il nuovo editor Gutenberg come predefinito. In questo caso, volendo provare il nuovo editor scegliamo la seconda opzione e in basso nella pagina richiamo sul pulsante “Salva le modifiche”.

Ora puoi quindi procedere a creare il tuo primo articolo utilizzando il nuovo editor Gutenberg. È sufficiente creare un nuovo articolo per accedere al nuovo editor. Come puoi immediatamente vedere l’interfaccia è molto diversa rispetto a quella classica di un articolo o di una pagina WordPress.

L’iniziale sensazione di smarrimento è dovuta soprattutto alla mancanza di tutti quei campi e quei pulsanti ai quali siamo ormai abituati da anni. Come ti mostro nel video vedrai però che il nuovo editor Gutenberg è molto semplice da utilizzare, ma è ovviamente necessario fare un po’ di pratica per prendere confidenza con lo strumento.

Dopo aver inserito il titolo e alcuni paragrafi di testo è possibile notare una delle principali caratteristiche del nuovo editor Gutenberg, ossia i blocchi. Nel nuovo editor infatti qualunque elemento di contenuto è considerato un blocco. Il primo paragrafo è un blocco e il secondo paragrafo un altro blocco. In base ai contenuti che vorrei creare con Gutenberg è possibile inserire blocchi relativi a paragrafi, intestazioni, immagini e molto altro ancora.

A differenza dell’editor classico di WordPress, nel quale tutti i contenuti di una pagina o di un articolo sono inseriti in un’unica grande area di testo, in Gutenberg ogni singolo elemento di contenuto è rappresentato e gestito da un blocco. Questo offre l’enorme vantaggio di poter impostare delle proprietà specifiche per ogni singolo blocco. Questo si traduce nella possibilità di poter gestire e personalizzare ogni singola porzione di un articolo o di una pagina in modo molto più semplice e flessibile rispetto al passato.

Nel video ti mostro anche come spostare i blocchi, gestire le impostazioni di ogni singolo blocco e come pubblicare un articolo con il nuovo editor. Ti spiego anche come gestire i vecchi articoli (quelli creati con l’editor classico di WordPress) per gestirli con il nuovo editor Gutenberg.

Nel corso dei vari aggiornamenti di WordPress, sono state aggiunte molte funzionalità a questo editor, rispetto alla versione iniziale. Le ho riassunte qui di seguito, nei video che trovi in questa pagina.

Elementor o Gutenberg: cosa usare per scrivere articoli su WordPress?

Novità dell’editor a blocchi Gutenberg su WordPress 5.7

WordPress ci ha ormai abituato all’introduzione di nuove funzioni su Gutenberg con ogni nuovo rilascio di WordPress, e anche la versione 5.7 non fa eccezione.

Ecco le novità principali introdotte, che ti mostro in questo video:

Le nuove funzioni dell'editor Gutenberg su WordPress 5.7
play-rounded-fill

Le nuove funzioni dell'editor Gutenberg su WordPress 5.7

Novità dell’editor a blocchi Gutenberg su WordPress 5.6

I cambiamenti riguardano il blocco Copertina, che permette ora di impostare il punto focale quando si utilizza un video di sfondo. Sempre nel blocco copertina è possibile anche utilizzare un’immagine come pattern, ossia come sfondo ripetuto. Questo può essere utile sia per ottenere effetti particolari, sia soprattutto per alleggerire la dimensione delle pagine potendo sfruttare immagini di ridotte dimensioni per “tappezzare” lo sfondo di una sezione. Ovviamente l’immagine deve prestarsi per essere utilizzata come pattern, altrimenti l’effetto finale rischia di essere un’incredibile porcheria.

Altre novità riguardano la possibilità di scegliere le dimensioni dell’immagine da utilizzare nel blocco Media e testo, e quella di poter impostare una dimensione minima di 1px per il blocco Spazio Vuoto.

È stata inoltre estesa anche al blocco Titolo la capacità di occupare tutta la larghezza di una pagina, permettendo così di poter applicare sfondi colorati a tutta pagina anche per i titoli, senza doverli inserire in altri tipologie di blocco.

Nel blocco Colonne è stata aggiunto il layout a una sola colonna, che permette di sfruttare le capacità di questo blocco anche quando non si ha la necessità di posizionare contenuti affiancati in colonne.

Utile addendum anche la funzione che permette di selezionare più blocchi e trasformarli in colonne. In questo modo è più facile modificare velocemente dei layout senza dover spostare tutti i singoli blocchi manualmente.

L’editor Gutenberg su WordPress. 5.5

Nel video sottostante ti mostro le funzionalità incluse nella versione 5.5 di WordPress per quanto riguarda l’editor Gutenberg. Oltre ad alcuni interventi cosmetici, una delle novità più apprezzate riguarda la possibilità di modificare le immagini direttamente all’interno dell’editor. È infatti possibile ritagliare o effettuare lo zoom sulle immagini.

Nuove funzioni per Gutenberg su WordPress 5.4

La versione 5.4 di WordPress ha introdotte nuove funzionalità all’editor a blocchi, come ad esempio il nuovo blocco pulsanti, la possibilità di impostare un gradiente come sfondo, e il blocco dedicato alle icone social.

Le novità di Gutenberg su WordPress 5.3

La versione di WordPress 5.3, rilasciata il 12 novembre 2019, ha introdotto nuove e utilissime funzionalità all’editor Gutenberg, che ho riassunto e che ti mostro in questo video:

Con questa nuova versione è molto più facile navigare tra i blocchi dell’editor usando la tastiera. Inoltre è possibile creare dei gruppi di blocchi per applicare sfondi a un’intera sezione contenente più blocchi.

È stata migliorata la gestione delle colonne che ora sono più personalizzabili e semplici da utilizzare.

È possibile personalizzare il colore dei titoli e applicare gli stili predefiniti ai blocchi che supportano gli stili.

Plugin per aggiungere blocchi a Gutenberg

Ho dedicato un’articolo a questo argomento, trovi qui un elenco dei migliori plugin che permettono di aggiungere nuove funzionalità e blocchi all’editor Gutenberg.

Se hai trovato utile questo video, iscriviti al mio canale YouTube per essere sempre aggiornato sui prossimi video.

Articoli che ti suggerisco…

4 commenti su “Come utilizzare l’editor a blocchi Gutenberg su WordPress”

  1. Buongiorno, c’è un modo per controllare lo spazio tra i blocchi di Gutenberg? Per esempio tra un Titolo e un paragrafo? O si deve ricorrere al CSS.

    Rispondi
    • Buonasera Oscar. Dipende, se desideri creare una regola che aumentare lo spazio tra un titolo e il paragrafo in tutte le pagine del sito, la soluzione più logica è intervenire sul foglio di stile.
      Se devi inserire dello spazio in alcuni casi particolari, esiste il blocco “Spazio vuoto” che ti permette di farlo.
      Inoltre, con plugin come GenerateBlocks hai la possibilità di gestire gli spazi come meglio credi, cosa che non puoi fare con i blocchi standard di Gutenberg.

      Rispondi

Lascia un commento