Come testare il sito sul nuovo server senza modificare i DNS

Come verificare che tutto funzioni prima di cambiare DNS

Scritto da Tiziano Fogliata

Migrare un sito WordPress, ossia spostarlo da un server a un altro, è sempre un’operazione piuttosto delicata. Non perché il processo di base sia complicato, ma piuttosto perché sono coinvolti tanti fattori che possono creare problemi.

In questo articolo ti voglio parlare di uno di questi fattori: la gestione di dominio, DNS e indirizzo di durante le fasi della migrazione tra server differenti.

Prendendo spunto da alcune domande che mi sono state poste durante i corsi o via e-mail, vado a esemplificare il problema.
Immagine di voler spostare il tuo sito www.dominio.it dal server del provider X (ad esempio Aruba) al server del provider Y.

Prima della migrazione, il dominio del tuo sito (www.dominio.it) puntava ovviamente al server del provider X. Dopo la migrazione, lo stesso dominio dovrà puntare a server del provider Y.

Anche supponendo che tu abbia trasferito correttamente tutti i file del tuo sito WordPress e database, non è sicuramente consigliato cambiare la configurazione dominio (per farlo puntare nuovo server) senza prima aver verificato che il tuo sito funzioni correttamente sul server Y.

Per effettuare questo test, ossia per visualizzare il tuo sito sul nuovo server senza effettivamente modificare la configurazione dominio può sfruttare il file hosts presente sul tuo computer.

Come funziona il sistema DNS

Prima di affrontare l’argomento file hosts è opportuno fare un breve accenno per comprendere a cosa serve il sistema dei nomi di dominio (DNS).

Semplificando al massimo possiamo dire che ogni “luogo”, come ad esempio un server, di Internet è dotato di un proprio indirizzo IP numerico (ad esempio 111. 222. 333. 444). Tali indirizzi di sono quelli che consentono il funzionamento di Internet.

Il problema è che tali indirizzi non sono facilmente memorizzati delle persone, come invece i nomi di dominio (www.dominio.it).

Il sistema DNS è può essere immaginato come un enorme archivio che gestisce e conserva le associazioni tra indirizzi IP e nomi di dominio. Questo permette a chiunque nel mondo di utilizzare un nome di dominio per poter raggiungere un server dotato di un particolare indirizzo IP.

Cosa c’entra il DNS con lo spostamento del tuo sito?

Quando sposti il tuo sito da un fornitore di hosting ad un altro è necessario informare il sistema dei DNS che il dominio utilizzato dal tuo sito ora punta a un nuovo indirizzo IP.

Le conseguenze di questo cambiamento non sono immediate. Dopo che hai aggiornato la configurazione del dominio con il nuovo indirizzo IP, sono spesso necessarie alcune ore affinché l’effetto delle nuove impostazioni si propaghi in tutto il mondo, ossia all’interno di tutta la rete dei server DNS.

Perché utilizzare il file hosts

Esiste una soluzione facilissima per testare il proprio sito su un nuovo server prima di effettuare qualsiasi modifica a livello di DNS.
Si tratta in sostanza di sfruttare il file hosts del proprio computer, che permette di aggirare le impostazioni del sistema dei DNS.
Questo file, che sui pc Windows si trova in:

C:\Windows\System32\drivers\etc\hosts

e sui computer Mac in:

/etc/hosts

permette di impostare configurazioni personalizzate relative a domini e indirizzi IP.

È importante segnalare che il file hosts è privo di qualsiasi estensione, quindi non deve essere hosts.txt, hosts,.doc o qualsiasi altra cosa, ma semplicemente hosts.

Sia su Windows che su Mac sono necessari privilegi amministrativi per modificarlo ed è fondamentale utilizzare un editor di testo per tali modifiche (non Word, Pages o programmi simili insomma). Già editor di base come Blocco Note su Windows e TextEdit su Mac possono andare bene.

Il formato di un file hosts è il seguente:

111.222.333.444 www.dominio.it  
123.123.123.123 www.altrodominio.it

In ogni riga deve essere presente una coppia di dati: l’indirizzo IP numerico, seguito da almeno uno spazio e poi dal nome di dominio. Salvo casi particolari consiglio sempre di inserire sia la versione con che quella senza il www iniziale.

Inserendo nel file hosts l’indirizzo IP del nuovo server sul quale hai trasferito il tuo sito, puoi verificare che tutto funzioni correttamente.

Ricorda che le modifiche effettuate nel file hosts presente sul tuo computer permettono solo a te di vedere il nuovo sito. Tutti gli altri utenti faranno ovviamente riferimento alle informazioni presenti nel sistema dei DNS.

Se però tutto funziona correttamente puoi procedere ad effettuare le modifiche a livello di dominio (su Register, GoDaddy, Namecheap o qualunque altro fornitore utilizzi) in modo da far puntare il tuo dominio al nuovo indirizzo IP.

Ultimi due consigli utili

Più che consigli si tratta di un sito, utile per verificare la propagazione delle informazioni sulla rete dei DNS. Si chiama whatsmydns.net e ti permette di sapere se in tutto il mondo tutti accedono già al nuovo IP del tuo sito oppure no.

Un altro strumento utile è invece Gas Mask: un’utilissima app gratuita per Mac che ti consente di gestire facilmente il file hosts.

Gestione del file hosts su Mac con GasMask

Altri articoli che ti potrebbero interessare

Nessun articolo correlato

2 commenti su “Come testare il sito sul nuovo server senza modificare i DNS”

  1. Ciao, sono arrivata a questo articolo dopo infinite ricerche, spero tu possa riuscire a farmi capire cosa succede al mio sito WP:

    A dicembre dell’anno scorso ho spostato il mio nome dominio da Bluehost a Site Ground. Ieri ho acquistato anche lo spazio web e installato WP presso Site Ground ma, anche se l’installazione è andata a buon fine, il sito da tutti i browser del mio computer non si vedeva e ancora non si vede.

    Ho contattato l’assistenza di Site Ground e loro mi avevano detto che i dati dei server puntavano ancora verso i server di Bluehost. Mi hanno messo a posto tutto e in un paio d’ore avrei dovuto vedere il sito e il login WP ma così non è stato.

    A casa ho Fastweb e continuo a non visualizzare niente…solo una schermata di Bluehost come se il sito fosse in “redemption” ma non lo è perchè se digito il nome del sito col mio smartphone, che accede a internet tramite gestore Wind posso visualizzare perfettamente il sito.

    Non capisco se è un problema di browsers ( a cui ho già pulito tutte le chace) o di linea Fasweb ( e quindi dover contattare il centro assistenza).

    Spero tu mi possa aiutare a capire cosa c’è che non va. Grazie

    Rispondi

Lascia un commento