Sito WordPress in manutenzione: i plugin da utilizzare

Scritto da Tiziano Fogliata
Aggiornato il

In questo articolo ti segnalo quelli che ritengo i migliori plugin per WordPress che ti consentono di avvertire i visitatori che il sito è in manutenzione oppure attualmente in costruzione. Al termine dell’articolo ti ho segnalato anche una soluzione “manuale” che puoi utilizzare senza ricorrere ad alcun plugin.

Come mettere WordPress in manutenzione nel modo giusto

Una precisazione utile: quando metti il tuo sito in manutenzione, magari per lavori di aggiornamento al tema oppure per un altri interventi tecnici, sarebbe buona norma fare in modo che il server web comunicasse ai bot dei motori di ricerca questo temporaneo stato di manutenzione, utilizzando il codice HTTP 503.

In alcuni casi mi è capitato di vedere siti che utilizzavano il codice di errore 404 quando venivano messi in manutenzione. Tale pratica è assolutamente da evitare.

Coming Soon Page & Maintenance Mode by SeedProd

Uno dei plugin più scaricati e diffusi di questa categoria. Permette di impostare due diverse modalità: una di manutenzione e una coming soon, in modo da segnalare la futura pubblicazione di un sito.

Quando si attiva la modalità manutenzione, il plugin restituisce il codice HTTP 503, mentre quando è in modalità “Coming soon” viene restituito il codice HTTP 200.

Come gli altri due plugin segnalati in questo articolo, anche questo è gratuito. Funziona con qualsiasi tema WordPress.

È responsive e consente di personalizzare sia i testi che l’aspetto della pagina. Permette anche di utilizzare un’immagine di sfondo in modo da rendere più accattivante e gradevole l’aspetto complessivo della pagina.

È disponibile anche nella versione Pro (a pagamento) che mette a disposizione ulteriori funzionalità, quali ad esempio l’integrazione con vari servizi email in modo da catturare lead, la possibilità di inserire un conto alla rovescia e altro ancora.

WP Maintenance Mode

Questo plugin offre molte funzioni per quanto riguarda la personalizzazione sia dell’aspetto della pagina di manutenzione (o coming soon) di un sito, sia delle funzioni attivabili su tale pagina.

È possibile impostare e visualizzare un conto alla rovescia, ad esempio per annunciare quando il sito sarà reso disponibile al pubblico.

Si possono aggiungere le varie icone dei profili social e anche un modulo di iscrizione, così da raccogliere gli indirizzi email dei visitatori che vogliono essere avvisati quando sito sarà pubblicato.

WP Maintenance Mode consente inoltre di inserire il codice di Google Analytics all’interno della pagina di manutenzione e anche di indicare quali ruoli utente possono visualizzare il sito senza essere “bloccati” dal plugin.

Questo plugin utilizza il codice di stato HTTP 503, in modo da comunicare correttamente la messa in manutenzione di un sito in modo SEO friendly.

Maintenance

Questo plugin consente di impostare rapidamente una pagina di avviso per comunicare che il sito è in manutenzione. Nella pagina di configurazione è possibile impostare il messaggio (comunque è già presente in lingua italiana), sia inserire un codice di tracciamento di Google Analytics e anche scegliere se impostare o meno il codice di risposta HTTP 503 per comunicare che il sito è attualmente in manutenzione anche ai motori di ricerca.

Il plugin Maintenance permette anche di abilitare un’icona raffigurante un lucchetto che consente di accedere alla maschera di login di WordPress:

manutenzione-wp

in questo modo è facile accedere al sito per gli utenti amministratori, anche quando il sito è in manutenzione.

Questo plugin consente inoltre di escludere alcune pagine e alcuni articoli dalla modalità di manutenzione.

Se preferisci fare la cose a mano senza installare plugin

Se non ti va di installare plugin e sei abbastanza pratico nel modificare i file che si trovano sul tuo spazio hosting, puoi mettere in manutenzione il tuo sito anche senza installare alcun plugin.

Quello che devi fare è preparare un file html da usare come pagina di avviso per gli utenti che accederanno al tuo sito durante la fase di manutenzione.

Puoi ad esempio chiamare tale file manutenzione.html.

Poi dovrai provvedere a modificare il file .htaccess presente nella directory principale del tuo sito, aggiungendo delle righe come queste:

<IfModule mod_rewrite.c>
	RewriteEngine On
	
	# il tuo indirizzo IP
	RewriteCond %{REMOTE_ADDR} !^111.111.111.111
	
	# eventuali altri IP aggiuntivi
	#RewriteCond %{REMOTE_ADDR} !^222.222.222.222
	#RewriteCond %{REMOTE_ADDR} !^333.333.333.333
	
	# pagina di manutenzione e immagini
	RewriteCond %{REQUEST_URI} !/manutenzione.html$ [NC]
	RewriteCond %{REQUEST_URI} !\.(jpe?g?|png|gif) [NC]

	# pagina di manutenzione con codice di risposta 503
	RewriteRule .* /manutenzione.html [R=503,L]
</IfModule>

Al posto di 111.111.111.111 inserisci il tuo indirizzo IP. Uno dei modi per scoprirlo è visitare il sito https://ifconfig.co/.

Ti consiglio prima di provare con un indirizzo IP diverso dal tuo, in modo da verificare che il sistema funzioni correttamente.

Ovviamente, una volta sistemato il sito, ricordati di togliere (o commentare) queste righe dal file .htaccess presente sul server.

Se ti è piaciuto e hai trovato utile questo articolo, eccone altri che potrebbero interessarti

Lascia un commento