Come installare e utilizzare Google Optimize per effettuare test sulle tue landing page

Scritto da Tiziano Fogliata

Google Optimize è uno strumento che consente a chiunque di effettuare dei test sulle pagine del proprio sito. Uno degli aspetti che rendono estremamente utile e interessante imparare a conoscere questo strumento è il fatto che è disponibile anche in versione gratuita.

Grazie a Google Optimize puoi iniziare a effettuare A/B test, Test Multivariati (tale funzionalità è ancora in beta) e Test di reindirizzamento in modo completamente gratuito e in tempi piuttosto rapidi.
Si tratta quindi di uno strumento che ti permette di testare delle varianti su una o più pagine del tuo sito con la finalità di migliorare i tassi di conversione.

Usare Google Optimize infatti non è particolarmente complicato, anche se la fase di setup può scoraggiare gli utenti meno avvezzi nelle operazioni di modifica al codice delle pagine Web del proprio sito.

Come attivare e installare Google Optimize sul tuo sito

In questo articolo non mi dilungherò sul perché effettuare dei test sulle landing page, ma mi concentrerò sui vari passi necessari per attivare Google Optimize, installare i codici sul tuo sito e creare il tuo primo esperimento di A/B test.

Prima di partire con Google Optimize sono necessari almeno 4 requisiti:

  1. un sito al quale puoi accedere, possibilmente via FTP, per installare del codice nelle singole pagine o nel template del tuo sito;
  2. un account Google;
  3. un account di Google Analytics attivo e con il relativo codice possibilmente già installato sulle pagine del sito (scopri come attivarlo sul tuo sito WordPress).
  4. il browser Google Chrome in modo da poter sfruttare l’estensione per la creazione delle varianti della pagina in modalità visuale.

Se fino a qui ci siamo, possiamo partire con i vari step.

Attivare Google Optimize

Step 01 – Collegati al sito https://optimize.google.com/ e clicca sul pulsante verde in alto a destra “SIGN UP FOR FREE”. Ti consiglio di effettuare il login con il medesimo account Google che utilizzi per Google Analytics.

La schermata iniziale di Google Optimize
La schermata iniziale di Google Optimize

Crea il primo esperimento con Google Optimize

Step 02 – Una volta dati o negati i vari consensi per ricevere comunicazioni da parte di Google, clicca sul pulsante “CREA ESPERIMENTO”.

Crea il primo esperimento con Google Optimize

Step 03 – Assegna un nome al tuo esperimento, seleziona il tipo di esperimento (ti suggerisco Test A/B per cominciare) e inserisci l’URL della pagina sulla quale vuoi iniziare a effettuare l’esperimento

Scelta del tipo di esperimento

Collegare Google Optimize con Google Analytics

Step 04 – Ora devi collegare Google Optimize al tuo account Google Analytics. Per fare ciò clicca sul link “Vai alla pagina del contenitore” che trovi nella colonna di destra.

Collegare Google Optimize con Google Analytics

Step 05 – Clicca sul pulsante “COLLEGA PROPRIETÀ”

Collegamento con la proprietà Google Analytics

Step 06 – Ipotizzando che tu sia collegato con lo stesso Google Account usato per Google Analytics, seleziona la proprietà e la vista del sito sul quale vuoi effettuare l’esperimento. Poi clicca sul pulsante “COLLEGA”.

Installare i codici di Google Optimize sulle pagine del sito

Step 07 – Ti apparirà una maschera dalla quale puoi accedere allo snippet di codice che devi installare sul tuo sito. Clicca quindi sul link “MOSTRA SNIPPET”.

Ottieni lo snippet di codice di Google Optimize

Step 08 – Copia il codice che dovrai installare sulle pagine del tuo sito, il più in alto possibile nella sezione <HEAD> della pagina.
Puoi copiare semplicemente la riga relativa al plugin di Google Optimize e inserirla all’interno del codice Google Analytics già esistente sul tuo sito, oppure tutto il blocco del codice di Google Analytics che contiene anche il plugin di Google Optimize.

Lo snippet di codice che bisogna installare per usare Google Optimize sulle pagine del tuo sito

Step 09 – Inserisci il codice nelle pagine del tuo sito.
Se utilizzi il nuovo Global Site Tag di Google Analytics, dovrai modificare il tuo codice in questo modo:

gtag(‘config’, ‘UA-XXXXXXX-X’, { ‘optimize_id’: ‘GTM-XXXXX’ });

Utilizzando ovviamente i tuoi codici identificativi al posto delle XXXX. Trovi comunque tutto spiegato qui.

Il codice per evitare lo sfarfallio al caricamento della pagina

Step 10 – Inserisci il codice per evitare il flickering o sfarfallio della pagina. Questo codice serve per evitare che i tuoi visitatori possano vedere per un istante la vecchia versione della pagina prima che entri in funzione la versione di test. Troppo complicato? Non preoccuparti, il consiglio è quello di installarlo :)

Lo devi inserire sempre nella sezione <HEAD> delle pagine del tuo sito e prima del codice di Google Analytics. Poi clicca sul pulsante “FINE”.

Lo snippet di codice per ridurre lo sfarfallio al caricamento della pagina

Step 11 – Poi fai clic sulla riga relativa al tuo esperimento.

Configurazione di Google Optimize

Step 12 – Clicca sul link che appare in questa pagina per collegare l’esperimento alla vista di Google Analytics. Questo ti serve per poter associare un obiettivo di Google Analytics all’esperimento, dato che non ha senso fare esperimenti senza almeno un obiettivo.

Collegamento a una vista di Google Analytics per impostare un obiettivo

Step 13 – Seleziona la vista (solitamente quella principale del tuo sito) e poi clicca sul pulsante “FINE”.

Collegamento vista

Step 14 – Clicca sul link presente nella pagina per aggiungere un obiettivo all’esperimento.

Aggiunta obiettivo all'A/B Test su Google Optimize

Step 15 – Puoi creare un obiettivo personalizzato, ma suppongo che tu abbia già degli obiettivi configurati su Google Analytics. Un esempio di obiettivo utile per un esperimento può essere quello che registra la compilazione di una richiesta di contatto o di preventivo.

Scelta obiettivo A/B Test

Step 16 – Google Optimize mostra gli obiettivi presenti nella vista selezionata di Google Analytics. Devi selezionare quello che ritieni più rilevante per il tuo esperimento. Se ad esempio stai testando delle ipotesi per incrementare il tempo di permanenza sul sito, dovrai scegliere un obiettivo tipo “Durata sessione”. Se invece stai testando ipotesi per migliorare il tasso di richiesta di preventivi, dovrai utilizzare questo tipo di conversione come obiettivo.

Obiettivi disponibili

Step 17 – Salva il tuo esperimento cliccando sul pulsante “SALVA” presente in alto a destra.

Salvataggio esperimento su Google Optimize

Creare una variante nell’esperimento su Google Optimize

Step 18 – Crea la tua prima variante, ossia il test vero e proprio. Una variante è una modifica rispetto al controllo, rappresentato dalla pagina originale.

Crea una variante per A/B Test su Google Optimize

Step 19 – Dai un nome alla variante e clicca su “AGGIUNGI”.

Nome della variante dell'esperimento

Step 20 – Installa l’estensione per Google Chrome cliccando sull’apposito link presente nella finestra. Poi conferma l’installazione cliccando sul pulsante “Aggiungi estensione”.

Estensione di Google Optimize per Google Chrome

Step 21 – Una volta installata l’estensione potrai accedere alla variante da modificare. Avendo selezionato “Test A/B” come tipologia di esperimento potrai effettuare le modifiche partendo direttamente dalla pagina originale, attraverso un comodo editor WYSIWYG. Le modifiche effettuabili sono numerose: puoi limitarti semplicemente a cambiare del testo, puoi modificare o rimuovere del codice HTML e anche effettuare interventi sul codice JavaScript. Puoi intervenire su diversi elementi della pagina. Una volta terminate le modifiche puoi cliccare su “FINE”.

Dal menu presente in alto a sinistra puoi passare rapidamente dalla visualizzazione della pagina originale a quella della tua variante.

Creazione della variante

Impostare il target dell’esperimento

Step 22 – Definisci il target dell’esperimento cliccando sulla voce “TARGETING”.

Impostare il target di un esperimento su Google Optimize

Step 23 – Nella sezione “Chi” puoi definire su quale percentuale di visitatori effettuare il tuo esperimento e anche in base a quale quota suddividere la quantità di traffico che sarà indirizzata alle varie varianti.

Nella sezione “Quando” puoi selezionare diversi criteri per far attivare l’esperimento solo in determinate condizioni. La condizione più semplice è quella che prevede l’inserimento del solo URL della pagina che vuoi testare.

Definire le condizioni dell'esperimento

Step 24 – Volendo però puoi accedere a numerosi criteri aggiuntivi che ti permettono di definire regole anche di una certa complessità.

Regole esperimento su Google Optimize

Step 25 – Una volta impostato il targeting puoi cliccare sulla voce “AVVIA ESPERIMENTO” posta in alto nella fascia grigio scuro e poi sul pulsante “AVVIA” per confermare la partenza dell’esperimento.

Avvia A/B Test con Google Optimize

Analizzare i dati di un esperimento su Google Optimize

Step 26 – I dati relativi all’andamento dell’esperimento li potrai vedere sia nella sezione “Rapporti” nella scheda di dettaglio del tuo esperimento su Google Optimize, ma anche nella sezione “COMPORTAMENTO” -> “Esperimenti” del tuo account Google Analytics.

Analisi A/B Test con Google Optimize

Spero che questa guida ti possa aiutare a configurare e iniziare a provare Google Optimize. Uno strumento che ti consiglio di provare, soprattutto se effettui campagne per portare traffico sulle tue landing page.

Articoli che ti suggerisco…

Nessun articolo correlato

2 commenti su “Come installare e utilizzare Google Optimize per effettuare test sulle tue landing page”

  1. Domanda da newbbo: nel caso ci fosse un Redirect page la procedura ipotizzo che sia similare, ma che ci sia qualche differenza perché le pagine prese in esame sono due (due URL differenti): avresti qualche consiglio da darmi? Grazie.

    Rispondi

Lascia un commento