Cwicly trasforma l’editor a blocchi di WordPress in un page builder

Scritto da Tiziano Fogliata

Cwicly è una delle novità più interessanti nell’affollato panorama dei page builder per WordPress.

Cwicly cambia il modo di creare siti con WordPress
play-rounded-fill

Cwicly cambia il modo di creare siti con WordPress

Rispetto ad altre soluzioni, che hanno sviluppato interfacce proprietarie per la gestione dei contenuti, Cwicly (che si pronuncia come Quickly) ha scelto di sfruttare l’editor a blocchi di WordPress e il concetto di full site editing, per permettere la costruzione delle pagine e la personalizzazione del sito utilizzando i blocchi.

Il risultato è uno strumento incredibilmente potente che permette di controllare ogni minimo dettaglio del design di una pagina e gestire moltissime funzionalità senza scrivere una sola riga di codice.

Cwicly al momento è disponibile solo a pagamento, anche se è in programma il rilascio di una versione gratuita.

Ecco gli argomenti principali di questa recensione:

Fondato da Louis-Alexander Désiré, è un page builder che sfrutta l’editor a blocchi di WordPress. Cwicly è un plugin ma mette a disposizione anche un tema, grazie al quale è possibile sfruttare il full site editing per la creazione e personalizzazione di tutti i template del sito.

  • Elevata quantità di opzioni disponibili per personalizzare le pagine e il tema del sito.
  • Include la versione Pro di Advanced Custom Fields.
  • Aggiornamenti frequenti.
  • Prodotto ancora giovane.
  • Richiede una certa esperienza e buone conoscenze di HTML e CSS per essere sfruttato al meglio.
  • Non dispone (ancora) di uno strumento per creare form.
Tipologia Plugin WordPress
Prezzo da €49/anno
Da segnalare Temporaneamente disponibile con licenza lifetime
6.8 su 10

Cwicly è un plugin o un tema?

Cwicly si installa come un normale plugin per WordPress, ma è disponible anche un tema.

Installando solo il plugin, è possibile personalizzare le singole pagine del sito, sfruttando tutti i nuovi blocchi messi a disposizione da questo plugin.

Se però si vuole utilizzare Cwicly per costruire l’intero sito, è opportuno installare il tema di Cwicly, che permette di beneficiare del full site editing.

Installando sia il plugin che il tema, è possibile creare header, footer, archivi, pagine dei risultati di ricerca, pagina di errore 404 e tutti gli altri template utilizzati su un sito WordPress.

Le molte funzionalità di Cwicly

Chi ha avuto modo di utilizzare un plugin come Oxygen, avrà apprezzato sicuramente l’incredibile livello di controllo sulla struttura della pagina. Cwicly offre un’esperienza abbastanza simile.

Come puoi vedere nell’immagine sottostante, questo page builder mette a disposizione 29 nuovi blocchi per personalizzare le pagine e costruire il tema del sito.

Cwicly modifica l’interfaccia dell’editor a blocchi di WordPress, spostando nella barra in alto il campo che permette di inserire il titolo della pagina e aggiungendo diversi pannelli per gestire le varie opzioni e navigare tra i blocchi. Questi pannelli possono essere facilmente nascosti e il navigatore può essere spostato dove si vuole.

L’interfaccia di Cwicly
La ricca interfaccia del page builder

Per ogni elemento, sono decine le proprietà che è possibile gestire: colori, tipografia, margini, padding, bordi e molto di più.

Cwicly supporta anche la gestione delle animazioni e delle pseudo classi. Per ogni elemento è infatti possibile gestire lo stato normale, quello hover, quello active, quello focus e anche le pseudo classi before e after. Inoltre, è anche possibile inserire ulteriori pseudo classi.

Allo stesso modo, ad ogni elemento è possibile assegnare data-attributes personalizzati, per chi ha necessità più avanzate.

Ma non finisce qui, a livello di gestione del layout Cwicly consente di utilizzare sia il modello Flexbox sia CSS Grid. Page builder come Elementor, nel 2022 hanno iniziato a introdurre in versione beta l’utilizzo del layout Flexbox. Cwicly offre già anche il supporto a CSS Grid.

Layout con CSS Grid col page builder Cwicly

Il page builder Cwicly permette di gestire anche gli stili CSS generali del sito e la creazione di classi globali.

Questo permette di definire delle regole CSS globali che possono poi essere applicate ogni volta lo desideri, sui vari elementi di una pagina o di un template, evitando di dover reimpostare a mano sempre le stesse impostazioni e ottimizzando anche la generazione del codice necessario a definire il layout della pagina.

Contenuti dinamici e ACF incluso

L’utilizzo di dati dinamici e di campi personalizzati è di casa con Cwicly. A differenza di altri page builder che supportano Advanced Custom Fields, Cwicly lo integra all’interno del proprio plugin.

Installando infatti il plugin di Cwicly, si ha a disposizione anche la versione Pro di Advanced Custom Fields e di conseguenza, la possibilità di creare tutti i campi personalizzati che si desiderano.

Contenuto dinamico con i blocchi di Cwicly

Regole personalizzate per la visualizzazione dei contenuti

Tra le funzionalità messe a disposizione da questo page builder c’è anche un potente gestore di regole per stabilire quando, come e se visualizzare o nascondere certi template o determinati blocchi.

Impostare criteri per la visualizzazione dei contenuti su Cwicly

Leggero e veloce

Sia l’utilizzo del page builder, sia le pagine generate con questo strumento sono leggere e veloci da caricare. Certo, dipende anche dal tipo di contenuti inseriti, ma questo page builder fa del suo meglio per ridurre al minimo il codice necessario al funzionamento della pagina.

Possibilità di gestire i permessi

Con i tradizionali temi per WordPress la maggior parte delle impostazioni a livello di layout e funzionalità dovevano essere effettuate mettendo mano al codice PHP o ai file CSS. Nel mondo dei page builder e del full site editing invece, per un utente è molto più facile modificare (e rovinare) un intero sito con pochi clic.

Per questa ragione, è fondamentale disporre di uno strumento che consenta di limitare l’accesso a determinate funzionalità.

Un conto è consentire l’accesso per modificare i testi, un altro è permettere di spostare, modificare o cancellare intere sezioni o pezzi di layout.

Ecco perché Cwicly mette a disposizione un role editor che consente di limitare l’accesso alle sue diverse funzionalità sia a livello di ruolo, sia a livello di singolo utente.

Un estratto del role editor di Cwicly

Alcuni aspetti da considerare

Cwicly è un buon prodotto che offre molte funzionalità utili per creare pagine e siti WordPress sfruttando al massimo l’editor a blocchi di WordPress. Ci sono però alcune diversi aspetti che è meglio non ignorare prima di scegliere questo plugin.

Cwicly è molto giovane

Un aspetto da considerare è la giovane età di questo plugin, che è nato nel 2021 ed è stato rilasciato ufficialmente nel 2022.

Questo significa che la community è ancora piccola e la quantità di risorse e di documentazione disponibile è piuttosto limitata. Ci sono, ad esempio, alcune funzionalità delle quali non si riesce a trovare traccia nella documentazione.

Inoltre, anche se auguro un futuro brillante a Cwicly, un prodotto giovane ha potenzialmente un futuro molto più incerto rispetto a soluzioni ormai consolidate e diffuse da anni.

In Cwicly sono ancora assenti alcune funzioni che sono ormai presenti in molti altri page builder, come ad esempio uno strumento per la creazione dei form. È in programma, ma non è ancora stato rilasciato.

Manca ancora una completa integrazione con WooCommerce. È possibile personalizzare l’aspetto del catalogo e delle pagine prodotti, ma non ancora tutte le altre pagine utilizzate da WooCommerce.

Poco adatto agli utenti meno esperti

Una volta installati e attivati il tema e il plugin Cwicly hai a disposizione solo pagine bianche senza alcune impostazione.

Rispetto a temi come GeneratePress o Astra, che partono già con una struttura definita, con Cwicly hai la possibilità di personalizzare tutto. Questo però significa che, nella maggior parte dei casi, devi personalizzare tutto.

Certo, c’è qualche template dal quale partire, ma non è semplice come importare un sito già pronto con GeneratePress o Astra.

Cwicly è uno strumento molto potente che, per essere sfruttato al meglio, richiede almeno una discreta conoscenza di HTML e CSS.

Chi incontra già qualche difficoltà nell’utilizzo di Elementor, chi non ha ben chiara la differenza tra cosa significa lavorare sul template del sito e sul layout di una singola pagina, potrebbe trovare qualche difficoltà nell’utilizzo di Cwicly.

Inoltre, se concetti come Flexbox, CSS Grid e pseudo classi, ti sono del tutto sconosciuti, è probabile che non riesca a sfruttare molte delle funzionalità messe a disposizione da questo strumento.

Considerazioni finali

Un plugin come Cwicly è una piacevolissima novità nel mondo di WordPress. La quantità di opzioni e le possibilità di personalizzazione offerte da questo page builder sono davvero notevoli.

Come ho già scritto, al momento non lo consiglio agli utenti meno esperti, perché probabilmente troverebbero delle serie difficoltà nell’utilizzare uno strumento del genere.

Viceversa però, chi ha maggiore esperienza nella creazione di siti con WordPress ed è alla ricerca di una soluzione che permetta un maggior controllo sui contenuti delle pagine e una maggior libertà espressiva, farebbe bene a tenere d’occhio Cwicly e provare questo page builder.

Tiziano Fogliata

Mi chiamo Tiziano Fogliata e mi occupo di consulenza e formazione.
Aiuto aziende e professionisti a sfruttare strumenti come WordPress, l'email marketing e la marketing automation per comunicare, trovare nuovi clienti e far crescere la propria attività. Autore di due libri su WordPress editi da Hoepli. Continua…

Lascia un commento