Sommersi dalla pubblicità sul cellulare?

Così come il futuro di Internet è sempre più orientato al mobile, anche il settore della pubblicità si sta organizzando per incrementare la presenza di spot sui telefoni cellulari dei 2,2 miliardi di utenti mondiali.

Yahoo! ha già iniziato a visualizzare annunci pubblicitari sulle versioni mobile dei propri servizi in 19 paesi e tra gli inserzionisti figurano i nomi di Pepsi, Procter & Gamble, Hilton, Nissan, Singapore Airlines ed Intel.

L’aspetto interessante per i pubblicitari è rappresentato dal notevole patrimonio informativo a disposizione degli operatori di telefonia mobile, una mole di informazioni sui clienti che Internet e la televisione possono solo sognare.
I gestori di telefonia conoscono nome, cognome, età, sesso, residenza dei loro clienti; sanno dove sono, quanto e a chi telefonano, le canzoni che scaricano e molto altro.

Attualmente manca ancora uno standard comune per la pubblicità sui cellulari così come è molto delicato e sottile il confine tra la comunicazione di carattere commerciale e la violazione di uno “spazio” altamente riservato e personale quale è il proprio telefonino. Un annuncio troppo personalizzato e tagliato su misura del consumatore sarà apprezzato o potrebbe generare un senso di fastidio e di eccessivo controllo?

Voi cosa ne pensate?
Link: la pubblicità sul mobile.

Iscriviti alla newsletter gratuita per ricevere consigli utili direttamente nella tua casella di posta

  • This field is for validation purposes and should be left unchanged.
  • http://brakko.blogspot.com pluto

    io sono un po sorpreso che non siano gia presenti, poiche ormai il numero di cell lo si lascia per diverse iscrizioni e quindi facilmente utilizzabile per fare pubblicita via sms

  • Giovanni

    Ma siamo sicuri che possano ad esempio usare la posizione??

    [intendo violazioni della privacy]

  • http://www.fogliata.net Tiziano

    Quella la usano già quando inviano sms limitatamente ad una determinata area geografica.