MegaUpload e MegaVideo chiusi dal Dipartimento di Giustizia USA

Il popolare sito MegaUpload e il “fratello” MegaVideo sono stati chiusi ieri dal Dipartimento di Giustizia statunitese e l’FBI ha arrestato 4 dirigenti della società, tra i quali il fondatore Kim Schmitz (nella foto). I motivi del provvedimento sono relativi alle numerose violazioni del copyright che vengono contestate a MegaUpload e MegaVideo.

Ecco alcuni dati e informazioni per comprendere meglio il fenomeno MegaUpload:

  • MegaUpload utilizzava un hosting con sede in Virginia: la Carpathia Hosting. Pare che la società utilizzasse più di 1000 server per un totale di circa 25 petabyte di storage.
  • MegaUpload aveva un secondo datacenter in Olanda, con circa 700 server.
  • Gli utenti di MegaUpoad hanno versato più di 110 milioni di dollari alla società tramite PayPal.
  • MegaUpload dava lavoro a più di 30 persone dislocate in 9 paesi.
  • L’FBI e le autorità di altri paesi hanno congelato circa 60 conti correnti bancari collegati a MegaUpload e anche numerosi conti PayPal.
  • Il fondatore Kim Schmitz possiede il 68% di Megaupload e dei siti Megapix.com e Megaclick.com. Possiede inoltre il 100% di Megavideo.com, Megaporn.com e Megapay.com. Kim Schmitz ha guadagnato 42 milioni di dollari nel 2010.
  • Inizialmente i creatori di MegaUpload lanciarono il portale di video hosting Megavideo con l’intenzione di copiare tutti i video presenti su YouTube. Lo confermano le numerose email scambiate tra i dipendenti della compagnia.
  • Altre email dimostrano di come i dirigenti discutevano di come ricompensare chi effettuava upload di DVD e altro materiale protetto da copyright.

AGGIORNAMENTO 19/01/2013: scopri il nuovo progetto di Kim Dotcom.

Iscriviti alla newsletter gratuita per ricevere consigli utili direttamente nella tua casella di posta

  • This field is for validation purposes and should be left unchanged.

Lascia un tuo commento, puoi partecipare anche usando uno dei tuoi profili social

Puoi inoltre condividere la discussione anche su Facebook e Twitter

  • http://www.panfy.it Cioccolatino

    Non ci voleva, però penso che prima a poi ci sarà un altro sito simile