Lo stato della blogosfera 2010 secondo Technorati

Vi ricordate di Technorati? Si lo so, ormai non è più molto di moda. In questi giorni però Technorati ha rilasciato la consueta analisi annuale “State of the blogosphere” che raccoglie e sintetizza le tendenze in atto nel mondo dei blog. Per quel che riguarda il 2010, il report è piuttosto corposo. Ecco alcuni dati interessanti:

Dei 7200 blogger intervistati, il 64% di loro ha dichiarato di scrivere su un blog semplicemente per passione e divertimento. Solo l’1% degli intervistati afferma di lavorare a tempo pieno al blog di un’azienda o di un’organizzazione (il 24% di questi è impegnato per 40 ore settimanali in attività di blogging).

Due terzi dei blogger sono maschi , il 65% ha un’età compresa tra i 18 e i 44 anni, l’81% gestisce un blog da più di due anni e nell’11% dei casi il blog è la prima fonte di reddito. Il 71% dei blogger presi in considerazione è residente nel Nord America, solo il 19% vive in Europa.

Rispetto al 2009, i blogger “professionisti” scrivono molto più spesso, mentre quelli classificati come “hobbyst” tendono ad aggiornare i loro blog meno frequentemente.

Gli intervistati inoltre hanno dichiarato che sono soprattutto le conversazioni con i propri amici che forniscono l’ispirazione per i contenuti da trattare sul blog, così come i contenuti pubblicati su altri blog. I corporate blogger invece sono maggiormente influenzati da gli altri blog e anche dalle trasmissioni televisive. Nonostante poi i blogger utilizzino i social media per diffondere i propri post, solo il 15% ammette che i social network sono una fonte di ispirazione per i loro contenuti.

Il 42% del campione dichiara di scrive sui brand che apprezza o che detesta, mentre il 34%  afferma che non scriverà mai nulla su alcun brand nelle pagine del proprio blog.

Per tutto il resto vi invito a consultare le pagine del report di Technorati.

Iscriviti alla newsletter gratuita per ricevere consigli utili direttamente nella tua casella di posta

  • This field is for validation purposes and should be left unchanged.

Lascia un tuo commento, puoi partecipare anche usando uno dei tuoi profili social

Puoi inoltre condividere la discussione anche su Facebook e Twitter